10 regole per pedalate sicure

Semplici cautele per spostarsi in bicicletta limitando i pericoli.

È un esercito silenzioso di 25 milioni di persone quello che ogni giorno esce di casa, inforca la bici e inizia il quotidiano slalom tra tubi di scarico (molti) e piste ciclabili (poche). Secondo un’indagine dell’Osservatorio Linear del gruppo Unipol, il 65% degli irriducibili delle due ruote chiede più piste ciclabili – in Italia coprono solo 3227 chilometri – e più severe norme di sicurezza a tutela di chi rinuncia all’automobile in nome di uno stile di trasporto più sostenibile, anche se troppo spesso, specie nelle grandi città, molto pericoloso. Mentre il movimento #salvaiciclisti, nato in rete sulla scia di un’analoga campagna per città a misura di bicicletta lanciata dal Times di Londra, si prepara a una mobilitazione per ottenere maggiore sicurezza, ecco un pratico decalogo da seguire se vi muovete pedalando in mezzo al traffico.

1- Controlla la tua bici regolarmente (soprattutto se è un po’ “vissuta”!) e assicurati che pneumatici, freni e catena siano in perfetto stato. Per verificare se hai le gomme bucate vale la vecchia, cara prova della tinozza d’acqua: se la gomma “fa le bolle” significa che è da riparare o sostituire. Controlla che la bici sia tarata sul tuo peso e sulla tua altezza: una volta seduto devi toccare il suolo con la punta dei piedi.

2- Prima di partire dai un’occhiata al tuo abbigliamento. Tacchi e infradito possono rivelarsi pericolosi durante la pedalata, così come gli orli troppo lunghi dei pantaloni. Assicurati di non avere cinture o cappotti che possano infilarsi nella ruota mentre sei in movimento e, soprattutto se ti sposti di sera, renditi visibile: il giubbotto catarifrangente è d’obbligo nelle gallerie urbane e sulle strade extraurbane dopo il tramonto, ma al buio si rivela molto utile anche in città. Soprattutto: indossa un casco, della taglia giusta e calzato correttamente.

3- Occupa il posto che ti spetta sulla strada e non rifugiarti sul margine destro se l’asfalto è dissestato.

4- Comunica in anticipo le tue intenzioni sugli spostamenti utilizzando le braccia. Prima di spostarti a destra o a sinistra controlla sempre dietro alla tua spalla se ci sono veicoli in avvicinamento. Compi le svolte più difficili in due tempi, aspettando il verde al semaforo.

5- Niente cuffie nelle orecchie o auricolare del cellulare. Devi rimanere concentrato e tendere bene l’orecchio ai rumori della strada (l’accelerazione di un’auto, la sirena di un’ambulanza), e la musica non lo permette.

6- L’apertura improvvisa delle portiere dei veicoli parcheggiati è una delle insidie più pericolose per i ciclisti, che rischiano di essere urtati e scaraventati a terra. Tieniti sempre a debita distanza dalle auto ferme sul ciglio della strada.

7- Conosci e rispetta la segnaletica stradale. Fermati ai semafori e non andare contro mano.

8- Cerca di prevenire le intenzioni degli altri guidatori stabilendo con loro un contatto visivo.

9- Attenzione a buche e rotaie. Cerca di evitare le prime e per attraversare le seconde assicurati di mettere le ruote di sbieco.

10- Hai il campanello, usalo per segnalare il tuo arrivo ai pedoni. Evita di salire sui marciapiedi e, se proprio devi, porta la bici a mano.

Avete altri consigli salvaciclisti da aggiungere? Pensate che esistano città a prova di bici? Vi spostate abitualmente su due ruote? Lasciate un commento!